LE STORIE NAPOLEONICHE

I TESORI DEL MEDAGLIERE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nascita della Repubblica Cisalpina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

D/ ALL’ITALICO. Busto di Napoleone in uniforme a sinistra; sul taglio del busto H. VASSALLO F.

R/ L’INSUBRIA LIBERA. Al centro Minerva che tiene per mano la Pace, alla sua destra, identificabile dal ramo di olivo in mano. La dea con la destra impone il berretto frigio sulla testa dell’Insubria, alla sua sinistra, che tiene per mano un genietto. In basso a destra una cornucopia con frutti e un fascio di spighe. Sulla linea di terra, a destra, I. S. F. In esergo IX LUGLIO MDCCLXXXXVII.

Bronzo - Incisori VASSALLO e SALVIRCH.

 

Per celebrare la nascita della nuova repubblica, il Direttorio Cisalpino commissionò ad Andrea Appiani una medaglia su disegno di Girolamo Vassallo. Sul dritto è raffigurato il busto di Napoleone come si vede in un quadro dello stesso Appiani realizzato nel giugno del 1796 pochi giorni dopo l’arrivo di Napoleone a Milano. Sul rovescio la Repubblica Francese, rappresentata da Minerva, presenta la Pace alla Repubblica Cisalpina sulla testa della quale impone il berretto frigio, affrancamento dalla schiavitù. La Repubblica ha per mano un genietto, a simboleggiare la prosperità che il nuovo ordinamento porterà al territorio. Questa scena venne riproposta dall’Appiani in un medaglione dei Fasti, un ciclo pittorico che decorava il Palazzo Reale e che venne distrutto dai bombardamenti del 1943.

Tratto da F.M. Vanni, Nel segno dell’aquila. Eventi, Personaggi ed Istituzioni Europee dalla Rivoluzione francese alla Restaurazione, vol. I, pp. 118 - 119.

 

 

Scarica il PDF
166 D.jpg