Scarica il pdf

QUI REDAZIONE...

 

2022: L’ANNO DELLE TRE SEDI!

 

Anche questo anno sta volgendo al termine in un’atmosfera purtroppo cupa per il protrarsi della pandemia che sembra farsi beffe degli sforzi enormi che l’umanità sta facendo per combatterla. Il 2021 avrebbe dovuto essere l’anno per eccellenza per gli appassionati di storia napoleonica ed invece si è trasformato in periodo in cui buona parte delle celebrazioni previste per il bicentenario della morte dell’Imperatore, sono state cancellate o comunque fortemente ridimensionate.

Anche nel nostro piccolo, i tanti programmi che avevamo ipotizzato per questo anno, sono stati travolti dagli eventi e cancellati. Non per questo però siamo rimasti inerti; anzi, abbiamo lavorato dietro le quinte e siamo lieti di poter annunciare che il 2022 sarà l’anno delle tre sedi.

La prima resta il nostro storico e bellissimo spazio espositivo all’interno del sistema museale castiglionese a cui daremo una nuova funzione ovvero quella di essere la nostra “Vetrina”.

La collezione custodita presso il Medagliere, si è infatti notevolmente arricchita nei cinque anni passati dall’inaugurazione degli spazi presso le carceri del Cassero, ed oggigiorno, con oltre milleduecento esemplari raccolti, non è più possibile esporla nella sua completezza all’interno di quei locali. In accordo con l’Amministrazione Comunale di Castiglion Fiorentino, abbiamo quindi deciso di trasformare le nostre sale in un luogo dedicato all’esposizione di mostre tematiche in cui i nostri piccoli tesori metallici fungano sempre da protagonisti ma affiancati da altri tesori sempre relativi all’epoca storica che va dalla rivoluzione francese al risorgimento italiano. Lo scopo è quindi di proporre, con cadenza annuale, delle selezioni delle nostre medaglie abbinate a cimeli altrettanto importanti, per raccontare storie, rispolverare personaggi storici o far conoscere al grande pubblico eventi altrimenti quasi sconosciuti.

Il tutto in collaborazione con altre importanti collezioni private o istituzioni museali pubbliche. 

Per il 2022 è già in fase di progettazione una mostra che dedicheremo alla propaganda ed al mito napoleonico con l’esposizione, insieme alle medaglie, di cimeli mai proposti al pubblico fino ad ora.

La seconda sede è in fase di allestimento nella prima periferia di Arezzo. Si tratta di uno spazio molto grande: di oltre 500mq, in cui la collezione nella sua totalità potrà essere custodita in modo migliore e soprattutto più fruibile da parte di coloro che la vorranno studiare.

Il “deposito” così come la chiameremo noi, sarà un luogo in cui non solo le medaglie verranno custodite ed esposte, ma anche periodicamente restaurate.

Inoltre, abbiamo studiato gli spazi per fare in modo di realizzare anche una grande sala in cui poter organizzare, pandemia permettendo, conferenze, seminari e giornate di studio su temi legati alla collezione così come potervi ospitare gruppi di visitatori quali gite scolastiche o associazioni culturali che vorranno conoscere la storia napoleonica partendo da questi testimoni metallici.

Non contenti, abbiamo deciso anche di ricostruire un laboratorio di incisione in cui mostreremo tutte le fasi della realizzazione di una medaglia e gli strumenti ed i macchinari necessari. Accompagneremo il tutto con pannelli divulgativi e stampe dell’epoca ricavate dall’Encyclopedie di Diderot e D’Alembert.

La terza sede sarà invece digitale grazie alla completa digitalizzazione di tutta la collezione che verrà messa a disposizione del pubblico mondiale attraverso un apposito sito internet collegato a quello istituzionale del Museo Medagliere.

In questo spazio online sarà possibile visionare le immagini fotografiche di tutte le medaglie oltre che reperire le informazioni base per la loro catalogazione. Pensato come strumento divulgativo a lungo raggio, permetterà a studiosi, appassionati o semplici curiosi di tutto il mondo, di vedere comodamente a casa e a distanza ravvicinata, tutti i nostri esemplari.

Come si può immaginare, sarà per il Museo Medagliere un anno fondamentale e particolarmente impegnativo della cui evoluzione vi terremo informati sulle colonne delle nostre “Storie Napoleoniche”.

 

Buon 2022 a tutti!!!!

 

 

Alain Borghini