Notizie dai Musei Napoleonici 

 

 

 

 

 

 

 

VILLA REALE DI MARLIA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1 - Esterni Villa Reale di Marlia                        Figura 2 – Salone restaurato 1° piano Villa Reale di - Prima e dopo il restauro                                                Marlia – foto di pgmedia.it

 

 

Nascosta allo sguardo dalle fronde di un parco secolare e da mura che sembrano proteggerla dal tempo che passa, la Villa Reale di Marlia è un capolavoro di charme ed eleganza tutto da scoprire, una proprietà salvata dall’abbandono grazie all’intervento di una famiglia di moderni mecenati:

Lo straordinario complesso architettonico e paesaggistico – composto da 3 ville, 2 palazzine neoclassiche gemelle, 16 ettari di parco, 2 cappelle, citroniere, ex scuderie, segherie e fabbricati di servizio – con la sua posizione naturale privilegiata, fece innamorare persino Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella di Napoleone, che scelse la Villa come sua dimora, portando la Villa stessa ed il parco all’altezza delle famose residenze parigine.

Per la prima volta nella storia, si possono visitare stabilmente gli appartamenti in stile impero di Elisa Bonaparte, riportati all’antico splendore grazie ad un accuratissimo restauro, per dare a tutti la possibilità di godere di queste lussuose atmosfere, finora appannaggio di pochi intimi frequentatori della proprietà privata.

Di fronte a tanta bellezza si resta sbalorditi, specialmente considerando che il patrimonio artistico della Villa ed il suo parco oggi rifioriscono dopo una storia travagliata, avendo attraversato lunghi momenti di abbandono.

Il risultato è merito dell’attuale proprietà, che dal 2015 si è presa cura del complesso avviando un’operazione senza precedenti, per vastità degli interventi ed eccellenza nella cura minuziosa di ogni singolo dettaglio. Un imponente processo di ristrutturazione e restauro della Villa, degli altri complessi architettonici e del parco, che si amplia di anno in anno a tempo di record e coniuga tradizione e innovazione: l’utilizzo delle più avanzate tecnologie si sposa con la valorizzazione del patrimonio di competenze artigianali toscane. Il restauro degli interni, in particolare, ha coinvolto i massimi esperti sul territorio nelle diverse lavorazioni dei preziosi marmi di Carrara, dei mobili e arredi lignei, dei dipinti e degli affreschi, fino ai pavimenti: un’opera multidisciplinare che valorizza l’eleganza che si respira in ogni angolo, sempre nel rispetto degli originali e in collaborazione con la Soprintendenza di Lucca. Il coordinamento storico-scientifico per l’allestimento del museo e i testi per l’audioguida sono stati a cura dell’Associazione Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana.

 

Figura 3 - Scorci del Parco di Villa Reale di Marlia – foto di L. Bartoli e pgmedia.it

Parallelamente, i proprietari si sono occupati di risanare e di presentare al pubblico in condizioni di eccellenza i 16 ettari di parco monumentale che circonda la Villa e la connota in modo inconfondibile: esso stesso è un tesoro dal punto di vista botanico e paesaggistico, sia per la ricchezza di specie e rarità botaniche (tra cui una collezione di antiche camelie, volute proprio da Elisa Bonaparte) sia per la varietà di giardini e architetture al suo interno, risalenti fino al XVI e XVII Secolo, come il Teatro di Verzura più antico d’Europa. Anche lo splendido parco ed il prezioso patrimonio arboreo, infatti, versavano in preoccupanti condizioni di abbandono, inimmaginabili al confronto con la magnificenza attuale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 3 - Scorci del Parco di Villa Reale di Marlia – foto di L. Bartoli e pgmedia.it
 

 

Oggi Villa Reale ed il suo polmone verde nell’insieme, delizioso connubio di natura e cultura, tornano infine ad essere luogo di elezione per le arti, come già avveniva nel suo glorioso passato (negli ultimi due secoli ospitò grandi artisti e intellettuali del calibro di Niccolò Paganini, Salvador Dalì, Alberto Moravia, solo per citarne alcuni). Nel corso dell’anno saranno accolti eventi culturali nel rispetto delle norme vigenti, grazie a collaborazioni di rilievo con enti del territorio tra cui Lucca Classica Music Festival, la Mostra delle Antiche Camelie della Lucchesia, il Festival Le Rinascenze. Un programma arricchito anche da rievocazioni storiche internazionali, aperture notturne, eventi enogastronomici ed iniziative per i più piccoli, progetti che nelle diverse stagioni valorizzano il luogo, la sua identità culturale e la sua forte personalità.

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 4 - Veduta su Villa Reale di Marlia dal lago - Foto di Vincenzo Tambasco

 

 

 

Informazioni pratiche

Villa Reale di Marlia, Via Fraga Alta 2, 55014 Marlia, Capannori (LU)

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO VILLA E PARCO

01 marzo – 31 ottobre: tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00 Ultimo ingresso 1 ora prima dell’orario di chiusura. I cani condotti al guinzaglio sono i benvenuti nel parco.

Per tutte le informazioni (prezzi compresi) pratiche consultare https://villarealedimarlia.it/visita/

 

SERVIZI E RISTORAZIONE

Il nuovo Café Villa Reale – frutto del restauro del padiglione giochi di inizio Novecento – offre la possibilità di rilassarsi all’interno dei giardini con bevande fresche e bocconcini sfiziosi in un contesto naturale e architettonico unico.

APP “VILLA REALE”

Grazie alla collaborazione con la start up lucchese Tebikii è nata l’applicazione ufficiale “Villa Reale” - scaricabile gratuitamente su tutti gli smartphone - con video guida del parco e audioguida della Villa, disponibile in quattro lingue, italiano, inglese, francese e tedesco.

 

 

 

 

 

 

www.villarealedimarlia.it

 

 

image008.jpg
image008.jpg

medaglierenapoleonico@gmail.com

http://www.museicastiglionfiorentino.it/

Via del Tribunale 8, Castiglion Fiorentino (AR)

  • Facebook - Black Circle
  • TripAdvisor - Black Circle
  • YouTube