top of page

LE STORIE NAPOLEONICHE

 

LA CORRISPONDENZA DI BLUE NAPOLEON

 

  

 

STUDIO SULLA PRIMA ACCETTAZIONE DELL’IMMAGINE DI NAPOLEONE IN CINA

(1816-1911)
 

Di ZUO ShengHui

 
(Master of Arts), Beijing Foreign Studies University
 
 

CAPITOLO 2:

IL PRIMO INCONTRO DEGLI INTELLETTUALI CINESI CON NAPOLEONE

 

La sconfitta nella guerra dell'oppio tra Cina e Gran Bretagna rese alcuni intellettuali cinesi avanzati profondamente consapevoli del fatto che la comprensione tradizionale dell'Occidente non poteva più soddisfare le esigenze della nuova situazione.

La forte introduzione della cultura occidentale ha minacciato anche la cultura tradizionale cinese in un modo senza precedenti. In questo contesto, un gruppo di intellettuali avanzati iniziò a compilare consapevolmente opere sulla storia e sulla geografia occidentale, tenendo conto della situazione globale.

L'esame dell'Oceano Orientale e Occidentale entrò nella loro visione, e alcuni intellettuali incontrarono Napoleone e portarono la sua immagine alla vista del popolo cinese con un'interpretazione soggettiva.

 

2 . 1 L'IMMAGINE DI NAPOLEONE NELLE OPERE DI STORIA E GEOGRAFIA STRANIERA DELLA TARDA DINASTIA QING

Tra le numerose opere di storia e geografia straniera della tarda dinastia Qing, la prima è il libro "Quattro continenti", curato da Lin Zexu sulla base del libro "The Complete Book of World Geography" dell'inglese Murray. Dopo la Guerra dell'Oppio, sotto l'influenza dei Quattro Continenti, cominciarono a comparire un gran numero di opere storiche e geografiche correlate, tra cui "Il resoconto pittorico dei Paesi del Mare", compilato da Wei Yuan sulla base dei Quattro Continenti, "Ying Huan Zhi Liao", scritto da Xu Jishe, "Quattro vedute dei Paesi del Mare", di Liang Tingshi, e "Kang Fu Jixing" (Cronache di Kang Fu), di Yao Ying... Napoleone, in quanto importante figura storica dell'Occidente, si trovava anche in queste opere di scrittura storica e geografica. Sebbene la conoscenza di Napoleone nelle opere sopra citate provenisse fondamentalmente dall'introduzione dei missionari, nell'introdurre l'immagine delle figure storiche occidentali, questi intellettuali riflettevano anche le caratteristiche di essere influenzati dalla cultura tradizionale cinese e aggiungevano le proprie interpretazioni soggettive pur accettando l'immagine esistente di Napoleone.

 

 

2 . 1 . 1 PANORAMICA DELLE PRIME OPERE STORICHE E GEOGRAFICHE SU NAPOLEONE

Tra le opere storiche e geografiche scritte dai cinesi, il primo riferimento a Napoleone è forse il primo libro di geografia mondiale relativamente completo e sistematico della Cina moderna, "Quattro continenti", in cui capitoli come "Ruiguo", "Bruya", "Rusia", "Olanda e Mirnon" sono tutti legati alle guerre napoleoniche per registrare la sconfitta di Napoleone nelle sue conquiste della Russia.

"Il re Napoleone di Francia attaccò con il suo esercito e il re e il popolo si allontanarono, lasciando la città vuota. Il re Napoleone si impadronì quindi della capitale e rivendicò una vittoria completa. Tuttavia, quando iniziarono il vento e il fuoco, la città crollò senza combattere, e molte persone morirono bruciate e congelate, e i soldati francesi fuggirono sconfitti".

Un'introduzione più completa a Napoleone apparve nell'Hai Guo Tu Zhi di Wei Yuan, scritto nel 1842 in 50 volumi e aggiornato a 60 volumi nel 1847-1848; nel 1852 contava 500 volumi.

Adottando il metodo di compilazione del "TanXiYang di Xiyang", oltre ai "Quattro Continenti" come base, sono stati citati successivamente anche i documenti storici cinesi e stranieri antichi e moderni e le fonti dei materiali storici includevano anche gli scritti compilati da molti stranieri. L'introduzione dell'immagine di Napoleone compare principalmente nei riferimenti di Wei Yuan a Oceani d'Oriente e d'Occidente, Storia straniera, Atlante geografico universale e Carta della Terra.

I primi due libri sono scritti da Guo Shili e occupano molto spazio nell'introduzione a Napoleone.

L'autore di quest'ultimo libro è etichettato come Morrison, ma ci sono state molte controversie nella comunità accademica sul fatto che questo "Morrison" sia "Robert Morrison", e l'immagine non è chiara come quella descritta in East-West Ocean Examination, quindi non è l'obiettivo di questo articolo. Un'altra opera importante, Ying huan zhi liu, è stata scritta nel 1849, con 10 volumi e circa 145.000 parole. A giudicare dal contenuto del libro, "Francesi zhi", la sua cronologia si basa principalmente sul Compendio antico e moderno delle diecimila nazioni di Guo shili.

Dal contenuto del libro si evince che la cronologia segue principalmente il "Compendio antico e moderno di tutte le nazioni" di Guo Shili e la traduzione si riferisce principalmente all'"Atlante completo della geografia delle nazioni" di Guo Shili. Napoleone viene introdotto non solo nelle sezioni "Francia" e "Spagna", ma anche nei commenti sulla Francia e su Napoleone. Napoleone è menzionato anche in altre opere storiche, come "I quattro sermoni dello Stato del mare" e "Kangfu jixing", ecc. Tuttavia, in base alla linea e al contenuto del testo, il primo dovrebbe fare riferimento almeno ad alcuni documenti di Hai Guo Tu Zhi, East and West Ocean Kao e Ying Huan Zhi Lu, mentre il secondo è principalmente estratto e citato da Ying Huan Zhi Lu. In sintesi, all'inizio della tarda dinastia Qing, la maggior parte del materiale documentario a cui gli intellettuali potevano attingere nella compilazione di opere di storia e geografia mondiale proveniva dalle mani dei missionari.

In termini di numero di scritti, Guo Shili fu senza dubbio il missionario più entusiasta che venne in Cina per presentare Napoleone in quel periodo, e gli introduttori nazionali non poterono fare a meno di citare gli scritti di Guo in gran quantità e di esserne influenzati nel presentare l'immagine di Napoleone. Secondo Huang Shijian, l'Hai Guo Tu Zhi di Wei Yuan citava i capitoli del Kao degli oceani d'Oriente e d'Occidente in ben ventotto punti, e anche lo Ying Huan Zhi Liao di Xu Jishe conteneva un gran numero di riferimenti ai racconti del Kao degli oceani d'Oriente e d'Occidente. Sebbene le due opere, una delle quali è principalmente un'edizione e una collazione, mentre l'altra è scritta e sintetizzata, siano diverse nello stile, la loro comprensione dell'immagine di Napoleone deriva fondamentalmente dagli scritti di Guo Shili. Tra le numerose opere storiche e geografiche relative all'estero della tarda dinastia Qing, le due opere di Wei e Xu sono le più dettagliate nell'introdurre l'immagine di Napoleone e hanno la maggiore influenza sulle generazioni successive, mentre altre opere storiche e geografiche che riguardano l'introduzione di Napoleone citano inevitabilmente Guo Shili o sono influenzate dalle opere di Wei e Xu, e le caratteristiche dell'immagine di Napoleone sono più o meno le stesse. Pertanto, la seguente discussione sulle caratteristiche dell'immagine di Napoleone nelle opere storiche e geografiche della prima dinastia Qing si concentrerà principalmente sulle opere di Wei e Xu.ù

 

2.1.2 STEREOTIPI DELLE TRADUZIONI DI NAPOLEONE

La prima traduzione di Napoleone in cinese dovrebbe essere la presentazione da parte dell'inviato britannico della dotazione chiamata "般哪哔地", che appartiene alla traduzione diretta, non dovrebbe esserci alcun significato particolare, nel ventunesimo anno del periodo Jiaqing (1816).Nel 1820, Morrison in "察世俗*法国西国作变复平略传" per la prima volta tradusse Napoleone in "Napoléon Bonaparte".

“In questi ventisei anni, ci sono stati molti famosi ufficiali militari, ma c'è un nome che non ha eguali nel mondo dall'antichità a oggi, che si chiama Napoleone Bardi, e Napoleone Ostile, e i due nomi possono essere usati singolarmente o doppiamente: Napoleone Ostile - Napoleone Bardi". ® "Ba"

Le parole "破" e "戾" hanno un evidente colore peggiorativo in cinese, e questa traduzione riflette l'atteggiamento negativo di Morrison nei confronti di Napoleone”.

Nel 1837, Guo Shili tradusse Napoleone come "Napoleone" nel suo "Esame dell'Oceano Orientale e Occidentale", poi accettò la traduzione di Morrison di Napoleone come "Napoleone" nei suoi "Overlord" e "Genealogia di Napoleone", e successivamente la cambiò in "Napoleone" nel suo "Compendio delle nazioni antiche e moderne". In seguito, nel "Compendio delle Nazioni Antiche e Moderne", il nome fu cambiato in "Napoleone", e nell'"Atlante di Geografia Universale", fu chiamato anche "Napoleone" e "Napoleon".

Nell'Atlante di Geografia Universale fu chiamato anche "Napoleone" e "Napoleone". Nelle traduzioni successive, "Lun" e "Lun" hanno il significato di ordine, che ha ancora una connotazione negativa, ma ovviamente ha alleggerito il colore della critica ed è diventato più elegante.

In seguito, I quattro continenti di Lin Zexu è stato tradotto come "Napoli (Li) Nim" o "Manabadi Wang", che dovrebbe essere una traduzione da The Complete Book of World Geography di Murray. Il nome "Napoli Nim" apparve più spesso nel testo e fu poi adottato da Wei Yuan e Liang Tingnan.

Nell'Hai Guo Tu Zhi di Wei Yuan, la traduzione di Napoleone non era uniforme, ma quando citava alcuni capitoli dell'Esame degli Oceani Orientali e Occidentali, cambiava la traduzione in "Napoleone Minoru" nei Quattro Continenti, e quando citava dalla Geografia di tutte le Nazioni, lo chiamava "Napoleone", e quando citava dalla Geografia Osservazioni, lo chiamava "Napoleone". Quando citava dalla Geografia Bikao, lo chiamava "Napoleone", e quando citava dalla Strategia di storia estera, lo chiamava anche "Napoleone".

"Quando si citava dal Xu Jishe (徐继畲), invece, ha usato il termine "Napoleone" nel suo Vincere Huan Zhiliao (赢寰志略), ma ha solo sottolineato nelle note che "Napoleone era conosciuto anche come Napoleone (那波良).

Anche le "Quattro vedute sullo stato del mare" di Liang Tingnan fanno riferimento ai "Quattro continenti" e lo traducono come "Naboli Minoru", e dicono anche: "Ran, il "Tuji" lo chiama Naboli Minoru. Il Tuji lo chiamava Naboli Minoru, mentre il Tuji Chuan pensava che fosse Naboli Yun. I due libri non solo sono simili, ma hanno anche traduzioni simili, quindi non c'è dubbio che abbiano lo stesso nome e nomi diversi".

 

Continua…

 

Scarica il PDF
bottom of page